PDA

Arată versiune întreagă : ce trebuie sa stii..



elliane
27.07.2009, 09:33
Desi criza se simte puternic si in Italia,mai sint romani care se indreapta spre aceasta tara,cu o speranta.
A fost si este nevoie tot timpul,de asistenti medicali(infirmiere profesionale).
Ce m-a determinat sa deschid acest topic?O noua colega,romanca,la prima experienta,dupa absolvirea scolii post-liceale sanitare in Ro.
Cred ca cel mai important lucru,atunci cind te hotarasti "s-o tai" din Ro,este sa inveti limba respectiva.
Poti sa ai colegi romani cu care te-ntelegi,dar trebuie sa te-ntelegi si cu sefii si cu cei pe care trebuie sa-i indrumi,ca infirmier profesional si cu bolnavii.
Cind ajungi aici pentru o astfel de profesie,trebuie sa uiti sistemul sanitar din Ro.Nu are nimic in comun cu cel italian.
Aici "d-na asistenta",este doar un operator sanitar,fara halatel cu nasturii deschisi si sandale cu tocuri.
Autonomia se rezuma la anti-piretice,medicatii cutanee si alte citeva nimicuri.
Restul,este decis numai si numai de catre medicul curant.
Asta la specific.
In general,necunoscind limba,te poate pacali oricine si te trezesti la sfirsitul lunii cu un salar de mizerie.
Nu vreau sa comentez pregatirea practica a asistentilor din Ro,amintesc numai ca "teoria ca teoria,dar practica ne omoara".
Inca ceva,noua mea colega a dat peste mina unui bolnav care incerca sa o loveasca.Am vazut-o eu,dar daca o vedea altcineva,a doua zi era fara servici.
Putini stiu,de exemplu,ca,asa ca in tara si aici au dreptul la o masa,sau bonuri de masa.Daca nu-ti ceri acest drept,nimeni nu ti-l da.
Orele suplimentare au un spor de 15%,iar noptile 10%.
Cam asta-mi vine in minte acum,dar daca cineva are nevoie de informatii,apelati cu incredere.

nick40
23.08.2009, 20:24
Buna Elliane,

As avea nevoie de ajutorul tau cu citeva informatii.Dupa 13 ani de america a cam venit timpul sa ma apropii de casa.Am ceva familie in italia si de aceea ma gindesc ca ar fi mai usor pentru mine sa i-mi incerc norocul acolo pentru inceput.Stiu ca nu este foarte usor sa gasesti de munca dar pur si simplu m-am saturat de tara asta de oameni singuri si am nevoie de o schimbare.Nu stiu italiana,vorbresc foarte bine spaniola dar cred ca nu ar fi o problema sa invat destul de repede.Din pacate siteurile gen monster.com nu au prea multe joburi in domeniul computerelor(networks,point of sale systems).Cunosti ceva siteuri locale cu joburi sau ceva agentii de plasare in zona roma?Ti-as ramine recunoscator pentru orice sfat care m-ar ajuta.

Multumesc!

Nicu

VanDerGigi
23.08.2009, 20:57
Inca ceva,noua mea colega a dat peste mina unui bolnav care incerca sa o loveasca.Am vazut-o eu,dar daca o vedea altcineva,a doua zi era fara servici.

Am incercat sa inteleg si nu pot. Care pare sa fie problema? De ce cetateanul cu pofta de-a lovii nu e incriminat? pare asa ilogic inadmisibil.
Fata isi pierdea locul de munca pt ca un pacient a incercat sa o loveasca?

elliane
27.08.2009, 05:03
Da,Claudiu,este inadmisibil sa lovesti un bolnav,poate sa te coste locul de munca.Stii cu cine ai de-a face in momentul in care-ti semnezi contractul de munca.Nimeni nu te obliga.
Nicu,am lipsit citeva zile.Imediat ce timpul imi va permite,am sa caut ceea ce te intereseaza.Oricum cred ca-i indicat sa inveti limba in primul rind.Daca stii spaniola sigur nu va fi o problema.

VanDerGigi
27.08.2009, 14:12
Da,Claudiu,este inadmisibil sa lovesti un bolnav,poate sa te coste locul de munca.Stii cu cine ai de-a face in momentul in care-ti semnezi contractul de munca.Nimeni nu te obliga.
Nicu,am lipsit citeva zile.Imediat ce timpul imi va permite,am sa caut ceea ce te intereseaza.Oricum cred ca-i indicat sa inveti limba in primul rind.Daca stii spaniola sigur nu va fi o problema.

Stai putin ca eu intelesesem altceva. Cand ai spus "a dat peste mana unui blonav care" am crezut ca "a dat peste un bolnav care" adica cu sensul ca a intrat in contact. Daca i-a dat peste mana se schimba situatia. Bine ca nu i-a pus o perna pe fatza. scuze de confuzie.

elliane
27.08.2009, 15:04
Bine ca nu i-a pus o perna pe fatza. scuze de confuzie.
:lol:N-o spune de doua ori.Citeodata e tentant:-$

elliane
28.08.2009, 01:28
Nicu,acestea sint putine din anunturile de cautare personal specializat in informatica,in zona Roma.
http://www.inkontro.com/lavoro/j-offerte_lavoro-informatico-roma.html
Cum eu despre informatica nu stiu multe(sau chiar nimic),nu pot sa-ti spun mare lucru,dar daca ai nevoie de traducere in ro,pot s-o fac.
Este indicat sa pui in balanta,salariile cu chiriile in Roma,si traiul scump.
Loc de munca pentru sotie si scolile pentru copii(daca ai).
Italia,poate fi tentanta pentru un roman care vine din Ro sau pentru un roman care vine din USA,dar vine cu muuulti bani.

nick40
28.08.2009, 12:08
O zi buna!Nicu,inceraca si ste-ul asta.Ei pot sa-ti dea toate informatiile necesare si in mod sigur,vor avea si informatii in engleza.Mai ales ca "fuga de inteligenta"merge invers,dinspre Italia spre America.
http://www.romavisibile.it/centri-impiego (http://www.romavisibile.it/centri-impiego)

Daca va hotariti pentru o alta zona(mai indicat nordul),poate este mai usor.
Succes,Elliane

elliane
07.09.2009, 01:50
Nicu,in site-ul de mai jos gasesti toate ofertele de munca in informatica,zona Roma.
Iti stau la dispozitie pentru clarificari.
Succes

http://www.motorelavoro.it/offerte-lavoro/informatica.html

elliane
24.09.2009, 22:49
Noua procedura de rezidenta pentru cetatenii romani in Italia,m-a lasat putin in "umbra",pentru ca fiecare varianta suna diferit.
Am gasit,in sfirsit,ceva edificant, in site-ul primariei Mantova.
Mi se pare simplu,tot ce trebuie sa ai este un servici si o casa.In cazul in care nu ai servici,primesti o rezidenta de doar trei luni.In acest timp poti sa-ti scoti tessera sanitara si sa umbli sa-ti cauti un servici "in regula".
Nu-i usor,dar nici imposibil.
Nu am timp sa traduc acum pentru cei ce nu cunosc limba.Am s-o fac imediat ce timpul mi-o va permite.

"centro impiego I cittadini bulgari e romeni, per la prima volta in Italia e non impiegati nei seguenti settori: lavoro stagionale, agricolo, turistico/alberghiero, domestico, edilizio, metalmeccanico, dirigenziale, spettacolo, marittimo
La centru pentru ocupatie,cetatenii romani si bulgari,pentru prima data in Italia si cu alte ocupatii decit,munci temporarae agricole,turistic/hoteluri,guvernante,constructii,directoriale,spect acol,maritim



nulla osta dello Sportello Unico dell’Immigrazione della Prefettura
LAVORATORE AUTONOMO muncitor independent


Passaporto o carta di identità del paese di origine
Ricevuta iscrizione camera di commercio o albo imprese artigiane o visura camerale Chitanta de inscriere la camera de comert sau intreprinderi artizanale
Dichiarazione dei redditi oppure Declaratia de venitur sau bilantul,facturi care sa demonstreze resursele economice minime




bilancio o fatture comprovanti le risorse economiche minime

LIBERO PROFESSIONISTA


Passaporto o carta identità del paese di origine
Certificato di attribuzione partita Iva rilasciato Agenzia delle Entrate Certificat de atribuire nr TVA,eliberat de Agentia Intrarilor(Fisc)
Dichiarazione dei redditi oppure bilancio o fatture comprovanti le risorse economiche minime.Acelasi ca la muncitori independenti
FAMILIARE DI LAVORATORE Familia muncitorului


Passaporto o carta identità del paese di origine
Certificazione del rapporto parentale avente valore in Italia Certficat care sa dovedeasca gradul de rudenieCU APOSTILA PENTRU A FI VALABIL IN iTALIA)
Per familiare si intende:


il coniuge Sot/sotie
i discendenti diretti (figli e nipoti - figli dei figli) di età inferiore a 21 anni
i discendenti diretti (figli e nipoti - figli dei figli) di età superiore a 21 anni a carico
discendenti diretti del coniuge come sopra
ascendenti diretti (genitori e nonni) a carico
ascendenti diretti (genitori e nonni) del coniuge
STUDENTE


Passaporto o carta identità del paese di origine;
Certificato di iscrizione presso un istituto pubblico o privato riconosciuto dalla normativa vigente;
Assicurazione sanitaria di almeno 1 anno o pari al corso di studi se inferiore all’anno;
Disponibilità risorse economiche secondo i parametri di seguito indicati documentabile anche con autocertificazione;
NON LAVORATORE


Passaporto o carta identità del paese di origine;
Assicurazione sanitaria di almeno 1 anno
Disponibilità risorse economiche secondo i parametri di seguito indicati
Risorse economiche minime

Le risorse economiche possono essere dimostrate con uno dei seguenti documenti:


estratto conto corrente bancario
autocertificazione
fideiussione
Solo dichiarante € 5.317,65
Dichiarante + 1 familiare di età superiore ai 14 anni € 7.976,48
Dichiarante + 1 figlio di età inferiore ai 14 anni € 7.976,48
Dichiarante + 2 o più figli di età inferiore ai 14 anni € 10.635,30
Dichiarante + 2 o più figli di età inferiore ai 14 anni + un familiare . di età superiore ai 14 anni € 13.294,13

alexa_me
12.11.2009, 16:33
sunt nou-venita aici;;)
si am si eu nevoie de cateva informati,daca se poate...
imi cer scuze daca subiectul acesta a mai fost discutat. situatia mea e urmatoarea: fiind eleva de liceu in Romania...pot intra la o facultate in Italia dupa ce termin? cam ce este de facut(inclusiv documente) si cam ce sanse am?
un alt gand ce ma macina e daca ar fi posibil sa lucrez pe timpul facultatii si implicit sa ma stabilesc pe teritoriul italian.
Cam ce as putea realiza din toate astea?
multumesc anticipat

elliane
13.11.2009, 01:55
sunt nou-venita aici;;)
si am si eu nevoie de cateva informati,daca se poate...
imi cer scuze daca subiectul acesta a mai fost discutat. situatia mea e urmatoarea: fiind eleva de liceu in Romania...pot intra la o facultate in Italia dupa ce termin? cam ce este de facut(inclusiv documente) si cam ce sanse am?
un alt gand ce ma macina e daca ar fi posibil sa lucrez pe timpul facultatii si implicit sa ma stabilesc pe teritoriul italian.
Cam ce as putea realiza din toate astea?
multumesc anticipatAlexa,sigur ca te poti inscrie la o facultate in Italia.Primul pas de facut este declaratia de valoare a diplomei de bacalaureat.Aceasta se face la unul din consulatele italiene,in Romania.Gasesti toate detaliile pe site-ul consulatului.
Dupa ce ai trecut examenul de admitere la facultate,va trebui sa faci un an de liceu aici,an in care vei integra cunostiintele despre istoria si literatura italiana.Abia dupa aceea vei incepe facultatea propriu zisa.
Daca imi spui ce facultate te intereseaza iti dau mai multe detalii.
Nu stiu daca te intereseaza (si esti pasionata) domeniul sanitar.Momentan este singura poarta larg deschisa cu mari oportunitati de munca.
In acest caz,iti convine sa urmezi facultatea in Romania si paralel sa studiezi limba.Costurile acestei facultati sint net inferioare in Ro.

elliane
13.11.2009, 10:29
Alexa,gasesti aici:
http://www.constimisoara.esteri.it/Consolato_Timisoara/Menu/In_linea_con_utente/Modulistica/Dichiarazioni+di+valore.htm


informatii privind declaratia de valoare a diplomei de bacalaureat.
Iti stau la dispozitie pentru orice neclaritate.

alexa_me
21.11.2009, 05:21
multumesc mult. chiar intrebam peste tot si nimeni nu-mi dadea niste raspunsuri clare.
mai am 2 intrebari:
1. domeniul la care ma gandisem eu era afaceri internationale, acum ceva timp erau in voga si se cautau experti in domeniu, asa ca m-am gandit sa ma axez pe asta. as avea sanse cu domeniul asta?
2. exista posibilitatea si cu bursa? mi-ar fi mai usor asa, cred.
multumesc inca o data pentru tot >:D<

alexa_me
21.11.2009, 05:24
si daca as alege domeniul sanitar asa cum spui, pentru munca, nu studii, normal ar fi sa fac un curs inainte,nu? adica ar fi bine sa il fac acolo apoi sa caut de lucru?

angeline
21.11.2009, 06:40
si daca as alege domeniul sanitar asa cum spui, pentru munca, nu studii, normal ar fi sa fac un curs inainte,nu? adica ar fi bine sa il fac acolo apoi sa caut de lucru?

Orice curs de pregatire/reorientare profesionala este de preferat sa fie absolvit in momentul in care iti cauti o slujba in domeniul respectiv. Daca exista posibilitatea unei experiente in domeniu, cu atat mai bine. Preferabil sa nu te limitezi la simple cursuri de pregatire/reorientare profesionala de scurta durata, ex: de 3, 6, 9 luni.
Cursurile ar trebui sa fie de minim un (1) an, pentru a fi luate in calcul ca valabile, in orice alta tara decat Romania.

elliane
22.11.2009, 01:21
multumesc mult. chiar intrebam peste tot si nimeni nu-mi dadea niste raspunsuri clare.
mai am 2 intrebari:
1. domeniul la care ma gandisem eu era afaceri internationale, acum ceva timp erau in voga si se cautau experti in domeniu, asa ca m-am gandit sa ma axez pe asta. as avea sanse cu domeniul asta?
2. exista posibilitatea si cu bursa? mi-ar fi mai usor asa, cred.
multumesc inca o data pentru tot >:D<


si daca as alege domeniul sanitar asa cum spui, pentru munca, nu studii, normal ar fi sa fac un curs inainte,nu? adica ar fi bine sa il fac acolo apoi sa caut de lucru?Alexa,poti sa-ti alegi ce domeniu vrei,dar aici,experti in afaceri internationale sint cu gramada.Nu trebuie sa te gindesti la ce este in "voga" ci la ceea ce-ti da sanse mai mari de a gasi de lucru.
Sint sanse de burse de studii,legate de rezultate(ca in Ro)sau cele pentru situatii economice slabe.Chiar si daca obtii acestea(pentru situatii ec dificile) prima data trebuie sa le platesti si dupa aceea iti prezinti modulul ISE,cu care poti primi inapoi ceva bani.
Ti-am scris in postarea anterioara ca pentru domeniul sanitar iti convine sa faci cei trei ani de sanitar in Romania.Sint recunoscuti si poti fi trecuta in "albo dei infirmierii professionali"(echivalent cu asistent in Ro).
Ca sa muncesti in domeniu sanitar ca simplu infirmier ai nevoie de un curs de 1000 de ore(operator socio-sanitar)
Cursul costa 1800 de euro,consta in 450 ore de teorie si 550 de practica,in diverse structuri sanitare si sociale.Este lung,dureaza un an si mai bine si dupa parerea mea nu merita.Mai bine faci trei lejeri in Ro si esti recunoscuta ca infirmier profesional.
Italia nu se muta,tot aici ramine si tu vii deja cu o meserie bine platita si CAUTATA.
In Italia nu exista nici un curs de calificare de 3,6,9 luni.Chiar si cea mai simpla forma de calificare(ucenic),dureaza doi ani.
Cursurile de calificare facute in Ro,nu au valabilitate pe teritoriul Italian.

alexa_me
22.11.2009, 07:54
multumesc mult amandurora pentru ca mi-ati raspuns. imi e mult mai clar acum ce trebuie sa fac.
va doresc o zi cat mai buna!

elliane
23.11.2009, 07:46
Cu scoli si calificari in Ro in domeniu sanitar, se munceste in Anglia, Franta, inclusiv Italia.Singura scoala recunoscuta in domeniul sanitar,este cea de asistente.Orice figura profesionala cu calificare inferioara,trebuie sa faca un alt curs aici(vezi mai sus,operator socio-sanitar).Nu aducem in discutie facultatile de medicina,ca nu cred ca-i cazul.

Ps.Angeline,as aprecia daca te-ai ocupa de sfaturi pe teritoriul Romaniei.Problema foarte multor persoane,este tocmai faptul ca ajung aici total dezimformati,cu iluzii de tipul afirmatiilor tale.

alexa_me
23.11.2009, 09:47
Elliane,
dar care ar fi urmatorul domeniu mai cautat dupa cel sanitar?

elliane
23.11.2009, 09:51
Elliane,
dar care ar fi urmatorul domeniu mai cautat dupa cel sanitar?Poti sa te specializezzi in informatica(daca-ti place).
Pentru mine ar de ajutor sa stiu cam ce-ti place sa faci,e important.Avind aceasta informatie,as putea sa caut detalii.

alexa_me
23.11.2009, 15:32
domeniile mele ar fi urmatoarele(cel putin, cele in care cred ca am cele mai mari sanse sa ma descurc bine): economie, turism (in special ce tine de partea hoteliera), limbi straine, muzica. astea imi vin acum in minte...din ultimele doua am reusit sa ma si intretin si in Ro, dar din ce am observat, sunt fix domeniile "moarte", care nu au cautare in afara...

elliane
24.11.2009, 01:05
Alexa,in turism te poti descurca cu contracte pe timp determinat(pe sezon,vara).
Trebuie sa stapinesti bine engleza sau(si) germana.

elliane
25.11.2009, 00:49
Aici:
http://www.usp.pesarourbino.it/URP/MODULISTICA/Notizie_utili07.doc

gasiti toate informatiile legate de recunoasterea diplomelor obtinute in alte state.
Atrag atentia asupra acestui pasaj:
"Este recunoscut (echivalat):
-Liceul clasic
-Liceul stiintific
-Liceul psihopedagogic
-Liceul linguistic
Deci:
-Diploma de institut tehnic
-Diploma de institut profesional
-Diploma de institut de arta.
Echivalarea are valoare NUMAI pentru continuarea studiilor in Italia.
Nu poate fi ceruta echivalarea pentru titluri referitoare la arta si profesii sanitate AUXILIARE,ACESTEA AVIND UN REGIM APARTE."

alexa_me
26.11.2009, 15:40
Alexa,in turism te poti descurca cu contracte pe timp determinat(pe sezon,vara).
Trebuie sa stapinesti bine engleza sau(si) germana.




Elliane,
multumesc mult din nou >:D<

Rebela
03.02.2010, 13:16
Aici gasesti profilul echivalent cu asistenta medicala(infirmiera profesionala in Italia)
Asistenti, au doar profesorii universitari.

http://www.asurzona7.marche.it/bo/allegati/UserFiles/7/File/EVOLUZIONE%20PROFESSIONE%20INFERMIERISTICA.pps#276 ,11,Le

In speranta ca ti-ai demonstrat tot ce aveai sa-ti demonstrezi,declar public inchisa orice fel de discutie cu tine.

1) Multumesc pentru raspuns. Acuma sint edificata in totalitate. Deci, de aici a pornit toata confuzia.

2) De ce te-ai suparat pe mine? In fine. OK. Moderare placuta, insa sa stii ca nu da bine daca mai intra oameni noi si vad cum "moderezi" tu. Izbucnirile astea nu sint bune. Ca moderator, musai sa treci peste divergentele personale. Eu am primit penalizari pentru ce-am scris. Tu, ce primesti pentru ostilitatea ta?

elliane
03.02.2010, 17:09
Ma poti lamuri si pe mine cum se imparte munca in spitale acolo? Daca eu as vrea sa ma angajez ca asistenta medicala dar am studii sanitare numai in Romania, ce pozitie pot capata? Exista infirmiere, asistente si medici? Ce face fiecare? Aici medicii sint cu prescriere de medicamente si de tratamente si ma rog fiecare pe specialitatea lui; asistentele sint cu intravenoasele, cu injectiile cu asistenta in sala de operatii si infirmierele sint cu plasturii, cu facutul curateniei, cu schimbarea unui bolnav sau a asternuturilor (chestii din astea care nu necesita nici o pregatire in special). Prin urmare, eu am ramas confuza la toate explicatiile si am ramas cu ideea ca asitentele medicale in Italia fac ceea ce fac infirmierele in USA si in majoritatea tarilor.

Imi poti explica te rog. Merci frumos.


Am vazut ca ai scris asta pe alt topic.

Citez: "Cind ajungi aici pentru o astfel de profesie,trebuie sa uiti sistemul sanitar din Ro.Nu are nimic in comun cu cel italian.
Aici "d-na asistenta",este doar un operator sanitar,fara halatel cu nasturii deschisi si sandale cu tocuri.
Autonomia se rezuma la anti-piretice,medicatii cutanee si alte citeva nimicuri.
Restul,este decis numai si numai de catre medicul curant"

De aici a venit confuzia: daca asistentele se ocupa de antipiretice si de medicatii cutanee (no kidding) si medicul face restul, cine pune perfuziile? Tot medicul?Citind cu atentie postarile mele legate de aceasta figura profesionala,se va intelege ca m-am referit la AUTONOMIE.Ce poti sa faci fara indicatia SCRISA a medicului.
Perfuziile nu le faci pentru asa vrei tu ci pentru ca asa ai primit indicatii.
Nici o intravenoasa nu o faci pentru ca ti se pare interesant ci tot pentru ca asa a hotarit medicul.

elliane
04.02.2010, 04:09
Pentru colegii mei de forum,participanti la discutii la aceasta sectiune,aduc la cunostiinta legea in vigoare pe teritoriul peninsulei,privind jignirile si atacurile la persoana,online.
Am sa il rog pe Sorin sa posteze si legea americana.


Diffamazione online: quando scrivere sui forum e newsgroup e reato

molti servizi on line consentono di esprimere il proprio pensiero in molteplici modi: si pensi a social network come Facebook e MySpace oppure a siti di giornalismo partecipativo, e così via. Però, a volte esprimere la propria opinione può comportare conseguenze spiacevoli se si superano alcuni limiti: quali sono? Quando, on line, si arriva a commettere il reato di diffamazione? Quando possiamo parlare di una vera e propria diffamazione a mezzo Internet?

1. Premessa

Oggigiorno è normale passare parte della propria vita digitale su forum, gruppi di discussione e social network (come Facebook), che ormai rappresentano a tutti gli effetti strumenti di espressione della propria personalità. In questi ambienti virtuali spesso si parla, come al bar, dei più svariati argomenti, talvolta anche in modo approssimativo facendo poca attenzione a ciò che si scrive e dimenticandosi che il forum, a differenza della chat, è uno strumento asincrono (in quanto i messaggi vengono scritti e letti in momenti diversi) che lascia la comunicazione per sempre, o quasi, in rete. Raccontare l’opinione che si ha di un individuo o ancor di più l' esperienze negative su un prodotto o un servizio, è un atteggiamento che non piace, soprattutto alle aziende, che fanno del parere degli utenti il cavallo di battaglia del proprio web-marketing.
D’altra parte è anche vero che trattandosi di discussioni che avvengono online, molti utenti coperti dal loro nick-name e forti del fatto di trovarsi dietro a un computer, si lasciano andare a commenti molto coloriti o accuse del tutto gratuite pensando che la rete sia una zona franca dove sia ancora possibile dire (o meglio scrivere) quello che si vuole. Infatti, capita sempre più spesso che gli autori in buona fede di commenti critici e informali, scritti magari di notte sul forum, siano trascinati in un procedimento penale. Molti potrebbero obiettare che in Italia e soprattutto su Internet, ognuno è libero di esprimere la propria opinione e che scrivere sui boards rientra nel più ampio esercizio della libertà di pensiero. In realtà non è del tutto vero, facciamo chiarezza!
2. La diffamazione online

La diffamazione è un reato strettamente connesso alla persona e al diritto all'onore di cui ogni individuo è titolare ed è previsto dall’articolo 595 c.p.. Esso dispone che chiunque, fuori dai casi di ingiuria, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, é punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032,00 €. Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena é della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a 2.065,00 €. Quindi mentre il reato di ingiuria previsto dall'articolo 594 c.p. punisce chiunque offende l'onore o il decoro di una persona presente, il reato di diffamazione punisce chi offende l'altrui reputazione in modo "indiretto" parlando con più persone e riferendosi, appunto, a una persona che non è presente.
Trascuriamo i casi in cui ci si può trovare di fronte a un concorso di reato e soffermiamoci solo sulla diffamazione che può realizzarsi in due modi, a "mezzo di stampa telematica" o a " mezzo di Internet". Del primo caso si è già parlato molto, sia a seguito delle sentenze riguardanti la responsabilità di riviste telematiche, sia tra molte polemiche per il caso del blog sottoposto a un regime equivalente (Trib. Aosta 26/05/2006 (http://www.dirittodellinformatica.it/sentenze/crimini-informatici/diffamazione-sul-web-blogger-come-direttore-responsabile-tribunale-di-aosta-26-05-2006-20080221114.html)). Oggetto di questo approfondimento, invece, è l’ipotesi che può capitare all'utente comune quando scrive su un forum o su un newsgroup per sua passione o interesse personale.
3. Gli elementi della diffamazione a mezzo Internet

Il terzo comma dell’articolo 595 c.p contempla la diffamazione online come circostanza aggravante della diffamazione perché realizzata tramite internet che viene considerato un mezzo di pubblicità, perché idoneo e sufficiente a trasmettere un messaggio diffamatorio a una pluralità di soggetti. Perché il reato si realizzi è richiesta la presenza necessaria e contemporanea dei seguenti elementi: l'offesa alla reputazione di un soggetto determinato o determinabile, la comunicazione di tale messaggio a più persone e la volontà di usare espressioni offensive con la consapevolezza di offendere (c.d. dolo generico).
3.1 L'offesa alla reputazione di un soggetto determinato o determinabile

La reputazione è l'interesse tutelato da parte del legislatore e viene intesa come quella stima di cui l'individuo gode in seno alla società per le caratteristiche che gli sono proprie. Per ledere la reputazione quindi sono necessarie espressioni non vere, offensive, denigratorie o espressioni dubitative, insinuanti, allusive, sottintese, ambigue, suggestionanti, se per il modo con cui sono dette fanno sorgere nel lettore un plausibile convincimento sull’effettiva rispondenza a verità dei fatti falsi narrati. La vittima oggetto della diffamazione deve essere invece una persona determinata o determinabile. L'individuazione dell'effettivo destinatario dell'offesa è condizione essenziale ed imprescindibile per attribuire all'offesa una rilevanza giuridico-penale.
3.2 La comunicazione di tale messaggio a più persone

La diffamazione è un reato istantaneo che si consuma con la "comunicazione a più persone". Trattandosi ad esempio di un forum, tale elemento si realizza con il postare il proprio messaggio e si consuma nel momento e nel luogo in cui i terzi percepiscono l'espressione ingiuriosa e dunque, nel caso in cui frasi o immagini lesive siano state immesse sul web, nel momento in cui il collegamento viene attivato (Cass. pen. Sez. V, 21/06/2006, n. 25875 (http://www.dirittodellinformatica.it/sentenze/crimini-informatici/diffamazione-on-line-momento-consumazione-cassazione-penale-25875-2005-2008020789.html)). Da sottolineare come si configuri anche nel caso in cui il board non fosse pubblico ma richiedesse una registrazione per leggere i messaggi.
3.3 La volontà di usare espressioni offensive con la consapevolezza di offendere

Ai fini della sussistenza dell'elemento psicologico nei delitti di diffamazione, non è necessaria l'intenzione di offendere la reputazione della persona, ma basta la volontà di utilizzare espressioni offensive con la consapevolezza di offendere. Come è facile notare questo tipo di atteggiamento, direttamente rilevabile in base alle frasi e al significato delle parole oggetto di diffamazione, è uno degli elementi che permette di tracciare il limite tra diritto di critica, tutelato ampiamente dalla libertà di pensiero, e la disciplina delittuosa.
4. Libertà di pensiero e responsabilità penale

L’articolo 21 della Costituzione dispone che "tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione" ma tale diritto incontra dei limiti specifici qualora l'opinione espressa giunga a ledere l'altrui onore e reputazione. Quindi il diritto di critica e la libertà di opinione non possono essere equivocate con la libertà d’insulto, di offesa, di diffamazione dell'altra persona. Un principio costante della giurisprudenza è che la critica, per quanto forte e spregiudicata possa essere, non debba mai diventare insulto, dileggio, disprezzo della persona. Qualora ciò avvenga non si è più in presenza di una critica ma di una diffamazione! Per ciò che riguarda l’imputabilità non dimentichiamoci che la responsabilità penale è personale, pertanto l’hosting provider che consente agli utenti di accedere ad un newsgroup non può essere ritenuto responsabile per i messaggi che passano attraverso i propri elaboratori. Ciò in quanto il provider si limita a mettere a disposizione degli utenti lo "spazio virtuale" dell'area di discussione e non ha alcun potere di controllo e di vigilanza sugli interventi che vi vengono man mano inseriti (Trib. Lucca, 20/08/2007 (http://www.dirittodellinformatica.it/sentenze/crimini-informatici/newsgroup-diffamazione-responsabilita-hosting-provider-trib-lucca-20-08-2007-20080221113.html)). Allo stesso modo il gestore del forum sarà, caso mai, responsabile solo della negligenza di controllo oppure per la mancata rimozione del commento denigratorio, dopo che gli sia stato fatto notare ed esso sia realmente offensivo.
Diversamente la giurisprudenza ha avuto modo di individuare anche il confine tra critica e diffamazione che emerge dal rispetto di principi quali la continenza espositiva, la verità e la pertinenza dell’informazione. Pertanto, l’autore di messaggi su forum o newsgroup che con i suoi commenti critichi prodotti o servizi, utilizzando un linguaggio educato, non denigratorio o insinuante senza la volontà e la consapevolezza di offendere, non potrà temere nessun tipo di azione legale rientrando la sua condotta nelle libertà di espressione e di critica garantite dal dettato costituzionale.


Sursa:Dirittodellinformatica.it